La Scuola dell’infanzia “Antonio Sant’Elia” è un asilo di Como, che merita attenzione dal punto di vista architettonico per lo stile in cui è stato concepito. Il progetto della sua creazione risale al 1935 quando Damiano Cattaneo, presidente della Congregazione di Carità, affidò la costruzione dell’opera all’architetto Giuseppe Terragni.

Fu realizzato negli anni 1936 – 37 ed è un edificio dallo stile razionale e austero tipico del periodo fascista tuttora in funzione come scuola materna. La costruzione è stata realizzata in un solo piano e ciò che la caratterizza maggiormente sono le grandi vetrate che danno respiro ai locali scolastici per rendere l’ambiente molto armonico e vicino all’idea di scuola all’aria aperta. Anche gli interni e gli arredi sono stati scelti con molta cura e attenzione, il tutto rende ancora adesso l’edificio un esempio architettonico di grande valore.

L’architetto Terragni lavorò utilizzando criteri moderni e innovativi per l’epoca, sia sotto l’aspetto tecnico che didattico, vedendo oltre quelli che erano i limiti del suo tempo.

La struttura dell’Asilo Sant’Elia

L’asilo Sant’Elia è stato realizzato orientando tutti gli ambienti più grandi, come le aule, le sale ricreazione e il refettorio verso sud-est, la costruzione è libera su tutti i suoi lati ed è dotata di un ampio giardino esterno. Obbiettivo dell’architetto quello di avere un rapporto stretto tra ambienti interni ed esterni per dare un senso di continuità e di scuola libera. Addirittura Terragni predispose pareti mobili che separano le aule in modo che gli ambienti potessero confluire gli uni negli altri.

A dare nuovo equilibrio, dinamicità e modernità alla struttura all’edificio che si sviluppa orizzontalmente su un solo livello, è l’insieme dei pilastri che corrono sulle quattro diverse facciate anche di fronte al cortile che è una sorta di aula en plein air.

All’interno domina il gusto per l’architettura che non guarda soltanto a collegare tra loro i diversi ambienti ma li accomuna con forme ed elementi architettonici che rendono l’asilo un progetto diverso e unico: la scelta dei colori è soltanto l’ultimo tassello a completare una realizzazione fin da subito apprezzata dai committenti per la sua funzionalità e la sua immagine di scuola moderna.

L’Asilo Sant’Elia è stato oggetto di interventi di restauro conservativo negli anni Ottanta che lo hanno riportato al suo indiscusso splendore.

Foto copertina by Di K.WeiseOpera propria, Pubblico dominio, Collegamento.

Questo sito utilizza cookie tecnici per migliorare la tua navigazione. Clicca su Maggiori informazioni se vuoi saperne di più e su Accetto per dare il tuo consenso. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi