Arredamento contract: design e progetti pronta consegna

Qualche giorno fa ho sentito per la prima volta le parole “arredamento contract” e non nascondo il fatto che non ne conoscessi il significato. D’altronde se conoscessimo tutto saemmo delle enciclopedie e invece il processo di apprendimento avviene anche o sopratutto quando ci accorgiamo di non sapere qualcosa e quindi vogliamo colmare questa lacuna.

Per questo motivo ho cercato sul web “arredamento contract” alla ricerca di qualcuno che potesse spiegarmi per bene il significato e in cosa consista nella pratica. Mi hanno risposto gli esperti di Devotodesign, che mi hanno spiegato tutto quello che c’è dietro quelle due parole e da questo è nato questo articolo.

Cos’è l’arredamento contract

L’arredamentocontract è la soluzione ideale per tutte quelle persone che desiderano vivere in una casa perfetta, senza però investire troppe risorse nella ricerca dei mobili e senza star dietro ad operatori edili.

Questa opzione consente infatti di affidare ad un’azienda specializzata non soltanto l’ordine relativo ai pezzi da acquistare ma anche l’intera progettazione degli interni e degli esterni. L’incaricato quindi, sulla base delle esigenze espresse e manifestate dal cliente, si preoccuperà di arredare un ambiente, ma anche di fornirlo delle finiture o degli impianti necessari, di installare caloriferi e climatizzatori, di scegliere le tappezzerie e via discorrendo. Ovviamente il tutto dovrà avvenire nei modi e nei tempi prestabiliti.

La progettazione dell’ambiente può basarsi su necessità pratiche ed estetiche, ma anche su aspetti in qualche modo legati al marketing in generale. L’azienda contractor, quella che fornisce tutti i servizi sopra elencati, è un’impresa appaltatrice e che deve seguire quanto scritto nell’articolo 1655 del Codice Civile e, più in generale, alle normative attualmente vigenti in Italia in materia di edilizia.

La figure professionali

Se tra gli incarichi affidati all’azienda appaltatrice ci fosse anche quello di costruire ex novo un edificio sfruttando un territorio già in possesso del cliente, sarebbe necessario progettare spazi indoor ed outdoor, stabilire a monte un tetto spesa e definire le specifiche tecniche ed estetiche della struttura. L’azienda allora impiegherebbe nello svolgimento delle sue mansioni un nutrito stuolo di professionisti: dagli architetti agli ingegneri passando ancora per imprese erogatrici di servizi e ditte edili.

General Contractor

Il General Contractor si preoccuperà quindi di scegliere il suo staff e di seguire le varie fasi del progetto garantendo il mantenimento di un certo livello qualitativo. Egli sarà anche il vostro referente, la persona con cui misurarvi ed interfacciarvi. Del resto spetterà proprio a questa figura impegnarsi in un’intensa attività di coordinamento di cui saprà ovviamente rendervi conto in ogni momento. Avrà il compito di badare anche a tutte le scadenze burocratiche riguardanti il progetto, cosa che vi aiuterà a non incappare in piccoli e grandi equivoci che finiscono puntualmente per rallentare o addirittura arrestare i lavori.

Interior Contractor

Per quanto riguarda la realizzazione e la cura degli spazi interni, l’incarico passerà nelle mani dell’Interior Contractor. A questa figura spetta occuparsi di seguire i lavori di posa dei pavimenti o di rifinitura delle pareti, assicurarsi che soffitti ed opere murarie vengano eseguiti secondo gli accordi e così via.

Sempre all’Interior Contractor spetta il compito di pensare agli arredi, all’illuminazione, al tessile e persino ai ninnoli che adorneranno casa. Chiaro è quindi che la creatività di questo architetto di interni dovrà in qualche modo tararsi sui gusti del committente. Obiettivo ultimo del professionista di cui sopra è infatti quello di creare situazioni estetiche piacevoli, funzionali e, ovviamente, il più possibile confortevoli.

Nel caso in cui egli debba occuparsi di uno spazio interno destinato a trasformarsi in attività imprenditoriale, unirà a questi obiettivi il fine ultimo di realizzare qualcosa che sappia comunicare con il target di clientela scelto dal committente o che sappia attirare pubblico all’interno dell’attività. Egli è infatti in qualche misura anche un esperto di marketing.

I vantaggi del contract

Magari quella dell’arredamento contract potrebbe sembrare una soluzione per pigri, una risorsa a cui aggrapparsi per arrivare a tavola imbandita ed abitare la propria casa dei sogni. Le cose non stanno esattamente così.

Pensate al caso di un imprenditore che voglia rinnovare il suo albergo o del ristoratore che è costretto ad impelagarsi in mille faccende burocratiche prima di poter finalmente appendere l’insegna fuori dal locale che sogna di aprire. Occuparsi della progettazione, dell’arredo e del rinnovo delle suddette strutture non è esattamente un giochetto da ragazzi e, soprattutto se si è già impegnati su altri fronti, chiedere un aiuto a dei professionisti del settore non è poi così sbagliato.

Queste strutture infatti richiedono una progettazione accurata, tanto nel caso degli interni quanto nel caso degli esterni. Lo stesso discorso, in fin dei conti, è applicabile anche al privato che vuole mettere su casa ma che non ha tempo, dimestichezza con il settore edilizio o semplicemente non possiede buon gusto.

Opportunità per chi offre questo servizio

E poi c’è da dire che il contract è una formula che in qualche modo potrebbe dare una bella spinta alla languente economia italiana. Molte aziende infatti hanno conquistato, grazie a questo tipo di pacchetti, visibilità soprattutto all’estero. Del resto non è un mistero per nessuno che il Made in Italy riscuota molto successo aldilà dei nostri confini.

Aziende diversamente relegate al lavoro sul territorio si ritrovano così coinvolte nella realizzazione di piccole e grandi opere pubbliche e private con sede all’estero. Grazie al contract l’imprenditoriaitaliana ha acquisito in sintesi un respiro più ampio ed ha finalmente intuito che la chiave del successo potrebbe stare nella scelta di vendere sì dei prodotti ma anche dei servizi di qualità, il tutto in unico pacchetto.

Questo sito utilizza cookie tecnici per migliorare la tua navigazione. Clicca su Maggiori informazioni se vuoi saperne di più e su Accetto per dare il tuo consenso. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi